Comuni “rinnovabili”: rapporto 2011 di Legambiente

2
953

In occasione della presentazione del rapporto ‘Comuni Rinnovabili 2011‘ presentato da Legambiente oggi presso l’auditorium del GSE é stato fatto il punto sulla diffusione in Italia dell’energia proveniente da fonti rinnovabili. L’obiettivo é quello di raggiungere gli standard europei di sviluppo entro il 2020, anno in cui l’Italia dovrà aver coperto il 17% del fabbisogno elettrico con fonti rinnovabili per poi proseguire in direzione di un’uscita dalle fonti fossili. Tutto ciò é possibile solo ragionando in una direzione di progressivo sviluppo a medio-lungo termine.

Sono due municipalita’ alpine, Morgex (AO) e Brunico (BZ), i due comuni al 100% rinnovabili premiati da Legambiente: Morgex possiede un impianto a biomasse con una potenza termica di 9 MW, collegato a una rete di teleriscaldamento di 10 chilometri, serve tutte le utenze domestiche oltre a scuole, poliambulatori e esercizi commerciali. A Brunico sono installati 840 mq di solare termico e 3.093 kW di fotovoltaico (tutti distribuiti su tetti o coperture), 4.390 kW di mini idroelettrico articolati in 3 impianti (senza dimenticare i 46,3 MW di “vecchio” idroelettrico non conteggiato ai fini di questi risultati).

Tra le province del Sud va segnalata la provincia di Potenza alla quale é andato il premio come “miglior buona pratica del 2011″. Sul territorio sono installati 21.816 kW di fotovoltaico, di cui circa 11 MW su coperture, 150 MW di eolico, 6 MW di idroelettrico e 691 kW di biogas.

Cliccare sul link per scoprire la diffusione in Italia delle fonti rinnovabili.

Fonti: Retia SRL, Legambiente


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa favola della green economy come panacea di tutti i mali
Articolo successivol’Arte del riciclo con un pizzico di creatività
Research and Technological Innovation Agency for the Sustainable Development srl, in breve R.&T.I.A. srl, è costituita nel gennaio del 2003 a Pisa, individuando nella progettazione di impianti industriali complessi, nell’ottimizzazione e sincronizzazione dei processi industriali, nel trasferimento tecnologico e nel supporto alla gestione integrata dei rifiuti urbani e speciali anche pericolosi il proprio core business. Dal gennaio 2005 è diretta dal dr. Chim. Ind.le Fabrizio Nardo, rientrato in Italia dopo un’esperienza quinquennale a Boston (USA), presso l’Advanced Technology Centre di Axcelis Technologies Inc., nella ricerca applicata in qualità di Process & Applications Engineer nel settore dei semiconduttori.

2 Commenti

  1. Sono felice di leggere che ci sono comuni al 100% rinnovabili. Complimenti a loro e speriamo che gli altri comuni seguano il loro esempio. In Italia e’ assurdo che non si sfrutti tutte le potenzialita’ che madre natura ci ha messo a disposizione!

  2. certo, sono bei traguardi, ma rispetto agli altri paesi europei siamo indietro di 20 anni! dovremmo darci una bella mossa e non gioire solo perché 3 o 4 paesi in italia si sono dati alle energie rinnovabili!

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.