DolcementeKattivo

0
974

Dopo tanto tempo, per non dire tanti anni, eccomi di nuovo tra voi. In tutto questo tempo non mi sono lasciato andare a consumi compulsivi o, come zeitgeist impone, rottamare ideali. Ho provato, invece a capire esattamente quale fosse la mia idea e fare miei o, meglio, riprendermi certi ideali, disegnando un orizzonte ed incamminarmi verso di esso. La raccolta delle mie immagini di un mondo costruito su idee di esagerata libertà ha prodotto un romanzo, il mio romanzo d’esordio:”dolcementeKattivo”.

Dolcementekattivo è un racconto che vuole riportare, senza nominarla, la tanto chiacchierata “decrescita”, divenuta accademica e manieristica, ad una dimensione più reale, senza cadere nell’ennesimo saggio pro o contro. Il libro vuole accompagnare il lettore, senza l’opprimente biografia di uno sconosciuto, in un immaginifico mondo libero e libertario, attribuendo ai personaggi le romanzate esperienze dell’autore. Ne derivano scenette da commedia dell’arte con maschere ben delineate nei loro pregi o difetti per testimoniare la possibilità di una realtà utopica.
Il protagonista si ritrova per caso in un piccolo Borgo mezzo abbandonato e, occupando e ristrutturando un mostro di cemento armato, piantato sulla spiaggia, intraprende un percorso di maturazione personale con la coerenza come dogma laico. Amicizie che trascenderanno in un vincolo indissolubile più forte di una parentela e nemici legati, nonostante sostanziali diversità, dal filo rosso della cafoneria, saranno da contorno alla nuova vita di un irrequieto che pretende, in una esagerata idea di libertà, una particolare estetica dell’esistenza.

Questo è il mio contributo per un mondo dove alla base ci sia il bene-essere. ciao

.Screenshot_2015-06-04-19-27-11-1

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.