Freegan e assalto ai bidoni: il Dumpster Diving per combattere gli sprechi

3
3347
dumpster-dive

dumpster-diveAvete mai sentito lontanamente parlare di Dumpster diving o Skipping? Non è roba che si mangia (magari alla fine), ma la pratica nata negli USA di passare al setaccio i rifiuti commerciali o residenziali per trovare oggetti, ancora in buone condizioni, scartati dai loro proprietari. La raccolta dei rifiuti può avvenire in cassonetti o rifiuti con un vero e proprio salto nella spazzatura. Il termine infatti ha origine dal più noto produttore di bidoni della spazzatura negli USA, chiamasi Dumpster appunto, associata all’immagine bizarra di un salto a capofitto in un cassonetto come se fosse una piscina, alla ricerca di cibo, vestiario, elettrodomestici ancora in buono stato, da recuperare. La pratica è chiamata dumpster diving in USA e Australia, skipping in Gran Bretagna, ma è anche detto bin-diving, containering, D-mart, dumpstering, tatting o recycle food e colui che assalta il bidone è chiamato Binner.

In particolare questa pratica è attuata dai “freegan” (la parola freegan è un mix fra free e vegan), ovvero coloro che praticano il Freeganismo: uno stile di vita anti-consumista in cui le persone utilizzano strategie di vita alternative basate sulla limitata partecipazione all’economia convenzionale e minimo consumo di risorse. Lo stile di vita coinvolge scarti recuperati, cibo incontaminato dai cassonetti del supermercato che hanno superato la data di visualizzazione, ma non hanno superato la data commestibile. I freegans recuperano il cibo non perché sono poveri o senza tetto, ma come una decisa dichiarazione politica.

Approfondendo le mie ricerche ho scoperto anche che, fatta bene, questa pratica può essere un modo per ridurre gli sprechi e condividere risorse ancora utilizzabili. Come? Non ci crederete ma esiste anche una vera e propria guida al dumpster diving, perchè questa pratica sta diventando una moda di massa in molti paesi (non ancora in Italia), utile per chi vuole arredare casa, cerca pezzi di ricambio, per chi vuole riempire il frigo magari per un pranzo comunitario, perchè la roba che non serve più a qualcuno, può essere utile per qualcun altro.

Guida al Dumpster Diving

1. Studia le leggi locali. In molte giurisdizioni l’immondizia è considerata proprietà privata, quindi la caccia al bidone può essere considerata furto. In alcune città ci sono ordinanze che proibiscono di scavare nell’immondizia, specie nel Regno Unito. Le leggi australiane riflettono una sottile intolleranza verso questa pratica. La caccia al bidone può infrangere diverse leggi, come quelle ambientali; può anche rappresentare una violazione della proprietà privata, un disturbo della privacy e in alcuni casi viene anche considerata un furto. In molti stati la polizia ha dei poteri speciali conferiti appositamente per fermare chi fruga nei bidoni. Fai delle ricerche riguardo alla zona in cui vivi.

2.Preparati mentalmente e adatta i tuoi metodi per evitare pratiche che riterresti disgustose.
Se ti fa schifo scavare nell’immondizia, prova a rovistare nei bidoni privi di rifiuti umidi, come quelli della plastica o del legno.

3.Collabora con altri cercatori. Praticando la caccia al bidone, probabilmente incontrerai altre persone interessate a questa attività; alcune, ma non tutte, saranno amichevoli e ti aiuteranno. Se possibile, condividi consigli ed esperienze. Individua delle associazioni di cercatori online o locali, per effettuare degli scambi o chiedere agli altri di cercare articoli che ti interessano.

4.Individua i bidoni nella tua zona.
Stabilisci quali sono i momenti migliori per effettuare le tue ricerche, tenendo conto degli orari in cui la nettezza urbana svuota i cassonetti. Di solito ci sono degli orari fissi.

5.Progetta la caccia a seconda di cosa cerchi. Se ti interessa soltanto il brivido della sorpresa e ti accontenti di tesori inaspettati, puoi rovistare ovunque ma, se sei a caccia di articoli specifici, devi organizzare bene la ricerca. Ad esempio, cerchi del cibo? Guarda nei bidoni dietro i supermercati e alle panetterie. La maggior parte dei negozi butta il cibo alla data di scadenza anche se è ancora buono e, magari, solo leggermente ammaccato. Cerchi articoli grandi, come mobili o oggetti di elettronica? Dai un’occhiata al di fuori dei bidoni, perché le cose più grandi solitamente vengono lasciate accanto ai cassonetti. Chiedi consigli online, possibilmente nei forum specializzati.

6.Indossa l’equipaggiamento adatto. Guanti protettivi, maniche lunghe e pantaloni sono fondamentali per proteggersi da tagli e sporcizia. Se entri nel bidone, indossa vestiti pesanti e spessi, come i jeans, e copriti più che puoi. Proteggi i piedi mettendo scarpe chiuse o stivali. Indossa abiti ai quali non tieni.

7.Attrezzati. Porta con te almeno uno sgabello su cui salire per rovistare meglio nei cassonetti. Non dimenticare i sacchetti di plastica in cui metterai i tuoi tesori. Accertati di avere una torcia se vai a caccia di notte. Ricordati che non devi entrare nel bidone subito, ma usa un bastone per scandagliare prima il fondo.

8.Accertati che non ci sia nessuno nei paraggi e guardati intorno. La caccia al bidone è un’attività controversa; spesso, i gestori di locali e i padroni di casa non l’accettano di buon grado, perciò preparati anche ad un confronto verbale. Non è sempre un problema se gestisci bene la situazione, ma dovresti evitarlo. Se vedi persone in giro, aspetta che non ci sia più nessuno prima di procedere.

9.Procedi con attenzione. Stai attento quando tocchi oggetti nel bidone. Vetri rotti e oggetti appuntiti potrebbero ferirti, o rischi di pungerti con un ago usato. Gli abiti protettivi in un certo senso aiutano a evitare questi problemi, ma dovresti comunque essere molto cauto mentre rovisti nei cassonetti.

10.Prendi solo ciò che ti può servire davvero. Evita di prendere articoli che non userai: ci sono altre persone che potrebbero averne un disperato bisogno mentre tu li lasceresti a raccogliere polvere in garage.

11.Ripulisci.
Se hai sparso la spazzatura ovunque, raccoglila e rimettila nel bidone. Getta tutto ciò che è rimasto fuori. Lascia la zona pulita o anche più pulita rispetto a come l’hai trovata: non contribuire a peggiorare la reputazione di chi rovista nei bidoni.

12.Pulisci bene gli oggetti. La pulizia è particolarmente importante per il cibo. Controlla le cose impacchettate e lavale in una soluzione blanda di candeggina e acqua. Il cibo che acquisti nei negozi solitamente è trattato così, perciò non è nulla di drastico.

13.Ripulisciti. Fatti una bella doccia con del sapone per toglierti di dosso gli odori e i germi.

14.Impara dalle tue esperienze. Cerca di adattarti alle situazioni, perché c’è sempre da apprendere. Condividi le tue conoscenze con gli altri e aiuta chi ha meno esperienza di te.

15.Ricorda che è una pratica pericolosa! I bidoni sono tra le cose più sporche che ci siano e possono veicolare malattie. Rischi anche di contaminare la tua famiglia. Il camion dell’immondizia passa un paio di volte alla settimana in certi posti. Se resti intrappolato all’interno, potresti essere tritato. E se proprio non ce la fai, scegli un altro hobby.

Al di là di ogni considerazione personale, questo post è un modo per guardare il mondo e riflettere su tutto ciò che sprechiamo ogni giorno, cercando di abituarci ad un modo di vivere consapevole a livello sociale e ambientale.

Guida da Wikihow.com/Dumpster-Dive

Per maggiori info: Freegan.info Trashwiki.org

Fonte foto: www.frumforum.com

3 Commenti

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.