Indicatori superficiali

0
810

Ai tempi in cui ascoltavamo i proverbi gli anziani ci dicevano “l’abito non fa il monaco”. Oggi forse anche perche` l’eta del sottoscritto avanza, mi rendo conto non solo che gli anziani ed i proverbi non contano piu` nulla a meno che non siano stati prostituiti da qualche avviso pubblicitario, ma soprattutto che quasi tutti i “monaci”, “esperti”, “professionisti”, “professori” e “tecnici” sono tali solamente per gli abiti che indossano.
In tutti i campi dell’attivita` umana perversano oggi i cosiddetti “indicatori”, cioe` dei numeri che diventano intermediari tra la realta`e gli effetti che si vuol ottenere da essa. Purtroppo si tratta di numeri calcolati in base a criteri decisi da pochi e parametri impostati da elite pagate per dare le loro valutazioni e quindi necessariamente parziali nei loro giudizi. In pratica ci siamo abituati a vestire la realta` con un abito che la modifica a seconda della necessita` di chi e` al potere.
Cio` comincia in tenera eta`: i voti scolastici sono il primo di tali esempi che si incontrano nella vita; anche se speravamo nell’uniformita` dei metodi di giudizio e nella serieta` degli insegnanti, ormai abbiam capito che son cose dell’altro secolo e dell’altro mondo… Tutti i giovani sono a caccia di un pezzo di carta da allegare al curriculum e le universita` si scannano per catturare studenti presentando statistiche d’impiego, numero di brevetti e pubblicazioni, altrimenti perdono i fondi con cui comprano gli stessi brevetti e pubblicazioni sulle migliori riviste.
Chi studia piu` per la cultura, la conoscienza o la scienza ed il piacere di sapere ?

I curriculum sono diventati peggio delle inserzioni pubblicitarie delle puttane, sembra che ogni neolaureato abbia gia` aperto e venduto quattro o cinque ditte, vinto tutti i possibili premi in palio, organizzato tutti gli studenti dell’universita` e sia prossimo a ricevere il premio Nobel. Poi e` tanto se si ricordano una sola formula di cio` che hanno studiato e se hanno mai impugnato una matita o un cacciavite in tutta la loro carriera di studio…
Il risultato e` che i pochi imprenditori seri spravvissuti oggi quando devono assumere un impiegato guardano per ultima cosa i voti scolastici. Infatti, presupponendo che chi assume sia a conoscenza del lavoro da affidare al neoassunto una chiacchierata a quattr’occhi rimane l’unico modo di distinguere l’onesto ed esperto lavoratore dal cialtrone ignorante.

Purtroppo pero` sono ormai pochi quelli che possono vantarsi di conoscere un mestiere; catene senza fine di consulenti incravattati si srotolano dai vertici di cristallo dei governi e delle multinazionali fino ai bassifondi dove il lavoro viene effettivamente svolto con sudore e fatica e quindi voti e classifiche diventano complicate combinazioni di lettere, cifre ed acronimi che servono piu` a gonfiare le parcelle che a fornire effettiva informazione.
Indicatori vengono usati dai manager delle ditte e dei governi per decidere se i loro impiegati stanno facendo il loro lavoro, se gli uffici sono efficienti e se gli investimenti sono affidabili, se i cessi sono puliti o se conviene o meno assumere o licenziare lavoratori di una certa razza, religione o colore politico in funzione del loro rendimento statistico.

Ovviamente poi ci sono mille modi per ottenere un buon valore sul proprio indicatore senza aver fatto assolutamente nulla di buono o utile.
E cosi vediamo paesi e culture distrutti in nome del Prodotto Interno Lordo, in nome del Pareggio in Bilancio, in nome dello Spread…
Universita`, scuole, ospedali ed enti amministrativi vengono minacciati di chiusura solamente perche` qualcuno in qualche palazzo di vetro ha messo una firma su una pila di documenti sbagliati promettendo cose che non poteva promettere e distruggendo le fatiche di milioni di persone.
Invece di capire l’essenza delle cose, ci si continua a trastullare con gli impegni di carta come i contratti di collaborazione o finanza internazionale quando si dovrebbero piuttosto radere al suolo gli enti responsabili del disastro o mettere i loro capi e padroni in condizione di non poter piu` nuocere.
Ci si riempie la bocca di frasi fatte sulla societa` di diritto dove invece ogni contratto disonesto fatto firmare con furbizia puo` essere impugnato per distruggere una vita di onesto lavoro.
Ma forse un giorno ci si rendera` conto che il problema principale e` sorto quando ci siamo affidati al danaro non per facilitare un onesto scambio di beni concreti ma per creare altro danaro in una spirale di carta e di valore inesistente. Il danaro ha perso il suo controvalore ed e` diventato l’indicatore piu` diabolico con cui stravolgere la realta` e strangolare la societa` onesta.
Il danaro e` diventato l’indicatore dell’efficienza di un settore perverso dell’attivita` umana che si e` appropriato ingiustamente e a sproposito dell’aggettivo “industriale” quando invece non aggiunge nessun valore all'”industriosita`” umana, ma anzi la mortifica e sfrutta intromettendosi nell’onesto scambio tra produttori e utilizzatori di beni materiali concreti e necessari.

Ma forse gli antichi lo sapevano bene e noi ci siamo solamente dimenticati della loro ironia e stiamo invece applicando alla lettera il vecchio adagio “homo sine pecunia est imago mortis”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLo stress – La malattia che abbiamo voluto
Articolo successivoSoluzioni locali per un disordine globale
Giulio Manzoni
Non credo nelle definizioni, ma dovendone scrivere una mi posso definire un inventore appassionato di autosufficienza. Ho studiato ingegneria meccanica, servito come ufficiale di Marina e fatto varie esperienze lavorative, dalla multinazionale al piccolo ufficio di progettazione. Poi ho deciso di diventare imprenditore nel campo della ricerca e sviluppo, realizzando sistemi di propulsione per nanosatelliti, sistemi ottici e nanosatelliti completi che permettono di ottenere immagini della terra a costi migliaia di volte inferiori a quelli dei satelliti normalmente usati dai governi e dalla grande industria. Negli ultimi anni mi sono dedicato allo studio di come le moderne tecnologie possono essere d'aiuto in una societa` sostenibile ed a misura d'uomo e ritengo di aver trovato la soluzione a patto di trasformare l'organizzazione del lavoro in modo da rivalutare la creativita` e l'efficienza dell'individuo in tutte le sue capacita` rispetto alla massimizzazione del profitto monetario.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.