Oltre il problema della sicurezza

0
1812

Ciò che è accaduto nel palazzo di giustizia milanese (http://www.milanotoday.it/cronaca/sparatoria-tribunale-milano.html) è  stato un fatto gravissimo, reso ancor più grave perchè commesso in un luogo  garante della sicurezza della comunità: il tribunale;  non scordiamoci, però,  che ogni sistema di sicurezza ha la sua debolezza , non c’è sicurezza al mondo che sia veramente sicura; succede in ogni parte del mondo che un pazzo o un delinquente metta a segno una strage ; succede in ogni parte del mondo che il sistema di sicurezza si riveli debole. Prendiamo le banche , esse dovrebbero essere il gioiello dei sistemi di sicurezza, eppure non sono rare  le rapine in banca, e non solo in Italia,.La storia giudiziaria,  è costellata di imprese criminali, dove si sono violati i più sofisticati sistemi di sicurezza

Perciò mi sembra che, come sempre , si stia esasperando la questione : problema di sicurezza , se ne stia facendo più una uno scoop mediatico , evitando però di mettere  a fuoco i veri motivi che hanno creato questo stato di cose. Si sta creando uno stato di panico fra popolazione che non si si sente più protetta, più difesa ; onestamente mi chiedo : veramente in Italia manca una  garanzia di sicurezza per il cittadino, veramente  l’Italia rispetto agli altri stati è il fanalino di coda nel garantire sicurezza alla comunità?

Una cosa, invece  mi sento di potere affermare e cioè che nel nostro paese vi un problema  urgente da affrontare: la  sfiducia del popolo verso al giustizia, questo è un fatto gravissimo che può portare a conseguenze molto serie

In questi anni si è dato la giustizia in pasto ai più deplorevoli commenti, ci siamo abituati a vedere tutto non sotto il profilo di: “è colpa dell’avvocato” oppure “ è colpa del giudice corrotto” oppure, “è colpa del RIS che non ha fatto il suo lavoro” , “o ancora, ” è colpa della legge ingiusta”

Il significato, il compito di giustizia è stato travisato, sono stati trascinati  nel “fango” i giudici e tutto l’apparato che compone il sistema giudiziario preso di mira, in pratica abbiamo infangato ciò che invece serve per riportare ordine e sicurezza.

Forse, fra le altre cose da fare, dovremmo rallentare con le accuse del giorno dopo, altrimenti altro non si fa che aiutare i criminali a farla franca , negando alla comunità la sicurezza che gli è dovuta , perché un giudice non può compiere il suo lavoro in un sistema a cui è stata tolta: credibilità e fiducia.

In Italia una cosa la sappiamo fare molto bene e stare alla finestra guardare e criticare col senno di poi , e poi pretendere che tutto funzioni.

Mi sono piaciute le parole del presidente Mattarella: semplici chiare e sagge, speriamo che non vengano  manipolate e travisate o quanto meno ignorate.

 “I magistrati sono sempre in prima linea e ciò li rende particolarmente esposti: anche per questo va respinta con chiarezza ogni forma di discredito nei loro confronti”. Interviene così il capo dello Stato Sergio Mattarella al  plenum straordinario del Csm, dopo i fatti di Milano.  Gli inquirenti “faranno piena luce” su quanto accaduto a Milano, “spetterà poi ai vertici degli uffici giudiziari di Milano e al ministro della Giustizia prendere i dovuti provvedimenti perché simili fatti non si ripetano. Ai servitori dello Stato va assicurato il massimo possibile di sicurezza”, aggiunge Mattarella. “La società democratica, aperta e accogliente, è per sua natura vulnerabile. Alle insidie criminali lo Stato italiano risponde con fermezza, sempre nel pieno rispetto delle garanzie costituzionali e dei diritti dell”uomo”, scandisce il capo dello Stato. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Strage-di-Milano-Mattarella-Respingere-discredito-verso-magistrati-d3eb3e69-04f1-4ac5-ab61-29a79c075015.html

CONDIVIDI
Articolo precedenteBerlinguer precursore, nonostante tutto
Articolo successivoSi fa presto a dire “GAS”
Sono nativa della città di Firenze, nella quale ho vissuto per vent'anni, per poi trasferirmi in campagna. Lavoro nel settore amministrativo contabile di una piccola azienda, sono sposata ed ho due figlie adulte. Ho un piccolo laboratorio dove mi diletto nell'esercitare l'hobby del decoupage , in casa ho diversi oggetti che ho riportato a nuovo con questa tecnica. Mi piace adoperarmi per riscoprire: piccoli borghi, antiche usanze e tradizioni, ricette; ricercando nella storie popolari particolari che mi siano utili per capire meglio cosa il progresso ci ha tolto e cosa ci ha dato.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.