Operaie in via di estinzione

0
883

robobeeNon fanno piu` gli alveari di una volta. Io sono una delle ultime operaie nate nella celletta esagonale e queste nuove apibot mi fanno quasi venire un complesso di inferiorita` per i miei rozzi natali.

Da quando il DDT e le altre porcherie OGM ci hanno fanno ammalare in massa ed i coltivatori di mandorle hanno cominciato a perdere davvero soldi, ecco che le api robot, le apibot in silicio microfabbricato, hanno cominciato a prendere il nostro posto.

Naturalmente le mandorle non sono scese di prezzo, ma almeno sono ancora sui tavoli di chi se le puo` permettere.

Infatti per fare una di noi bastava la regina ed un po’ di polline, che poi era comunque parte del nostro lavoro. Invece per le apibot intanto bisogna ammortizzare i diecimila mesi-uomo di ricerca e sviluppo anticipati dai miliardari californiani. Poi bisogna mettere su una linea di microfabbricazione in camera pulita, nanolitografia ultravioletta e a raggi X, incisione profonda al plasma, microsaldature al laser… e per fortuna che si possono comprare le stesse macchine con cui si fanno gli accelerometri e giroscopi degli smartofoni, altrimenti ogni apebot costerebbe come una Ferrari, non solamente come una Vespa, scusate il gioco di parole…

E cosi`, noi povere operaie stagionali da quattro soldi ci vediamo rimpiazzate da queste fantastiche automate volanti che lavorano giorno e notte, estate ed inverno, a telecomando, altro che seguire il sole e danzare per le colleghe… i nuovi sciami comunicano ad 1 Giga Bite al secondo a 10 Giga Hertz di frequenza !

Ma, per fortuna, le mandorle ci sono ancora… fino a che non faranno anche quelle in camera pulita !

CONDIVIDI
Articolo precedenteSeta Etica: terre di Calabria e giovani sguardi
Articolo successivoDFSN-Radioattivi: un’esperienza riuscita! / DFSN TV
Giulio Manzoni
Non credo nelle definizioni, ma dovendone scrivere una mi posso definire un inventore appassionato di autosufficienza. Ho studiato ingegneria meccanica, servito come ufficiale di Marina e fatto varie esperienze lavorative, dalla multinazionale al piccolo ufficio di progettazione. Poi ho deciso di diventare imprenditore nel campo della ricerca e sviluppo, realizzando sistemi di propulsione per nanosatelliti, sistemi ottici e nanosatelliti completi che permettono di ottenere immagini della terra a costi migliaia di volte inferiori a quelli dei satelliti normalmente usati dai governi e dalla grande industria. Negli ultimi anni mi sono dedicato allo studio di come le moderne tecnologie possono essere d'aiuto in una societa` sostenibile ed a misura d'uomo e ritengo di aver trovato la soluzione a patto di trasformare l'organizzazione del lavoro in modo da rivalutare la creativita` e l'efficienza dell'individuo in tutte le sue capacita` rispetto alla massimizzazione del profitto monetario.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.