Politica

In questa categoria rientra tutto cià che la politica fa o puo fare (progettualità) per i temi legati a questo network

Delirio da delocalizzazione

400px-Seagate_Wuxi_China_Factory_Tour

La sfida di Matteo Renzi: edulcorare la delocalizzazione produttiva, grave piaga sociale e ambientale dei nostri tempi. Pur non piacendomi, non penso assolutamente che Matteo Renzi sia un genio del male: di Michelangelo e di Mozart ne nascono raramente, ma per fortuna anche di Goebbels e di Stalin. Il nostro premier è semplicemente uno dei…

Dov’è Dio

Penso alla nostra società “ occidentale”.Dov’ è Dio? Di certo non è la guida del popolo italiano, non ufficialmente, non nelle leggi che regolamentano la vita sociale, non nella vita di molti singoli, visti gli scandali diffusi e di varia natura che emergono ogni giorno. Non nello stile di vita proposto attraverso i media ,…

Riflessioni sulle elezioni europee

europee

‘Europeisti’ ed ‘Euroscettici’, presentati dai media come agli antipodi, condividono in realtà il medesimo ragionamento fondamentale. Scrivendo Il manifesto per un’Europa decrescente nessuno di noi, ovviamente, pensava di influenzare l’esito delle imminenti elezioni europee, né tanto meno di fare propaganda per qualche partito o movimento, anche perché gli autori provengono da diverse culture politiche. Semplicemente…

Lottare per la giustizia, non per la classe

Milano_Sciopero_generale_by_Stefano_Bolognini13

La critica alla decrescita di un militante della sinistra radicale come occasione per approfondire alcuni importanti concetti. Navigando in Rete mi sono imbattuto nel blog di Carmine Tomeo, militante di Rifondazione comunista, e sono rimasto colpito da un post intitolato: “Rivoluzione culturale” della decrescita: impossibile progetto politico (1). Invito alla lettura completa dell’intervento perché mi…

Per una cultura politica della decrescita

greenEarth_Euro

Dal Manifesto per un’Europa decrescente lo spunto per allargare i propri orizzonti verso una cultura politica basata sulla decrescita. Sono convinto che il Manifesto per un’Europa decrescente, nel suo piccolo, rappresenti un passo in avanti molto importante per la decrescita. Il limite principale dei decrescenti, a mio avviso, è stato sempre di proporre un quadro…

Le disuguaglianze della nostra società sono sempre più inaccettabili

oxfam

Viviamo in una società profondamente ingiusta, una società in cui le disuguaglianze – in continuo aumento negli ultimi decenni anche a causa del processo di globalizzazione, riforme del mercato del lavoro e deregulation portato avanti ovunque – sono sempre più marcate e quindi inaccettabili. Credit Suisse, con il suo “Global Wealth Report” del 2013, ci…

Né distopie né minestre riscaldate

renzilepen

Presunti rivoluzionari comi Matteo Renzi o Marine Le Pen rappresentano i due lati di una stessa medaglia che va rigettata. Con il 35% di astensionismo e la mancata presentazione delle liste in gran parte dei comuni, è molto difficile valutare la reale portata dell’affermazione alle elezioni amministrative francesi del Front National di Marine Le Pen;…

Stiamo entrando nella fase più turbolenta: quella delle guerre per l’accaparramento delle ultime risorse

800px-Disabled_Iraqi_T-54A,_T-55,_Type_59_or_Type_69_tank_and_burning_Kuwaiti_oil_field

Tv e giornali, in questi giorni ci hanno duramente risvegliato dal nostro quotidiano torpore riportando la nostra attenzione in Ucraina, dove la situazione politico-militare rischia di degenerare verso un punto di non ritorno, ovvero un intervento armato di una delle due parti (si fronteggiano da una parte l’Occidente, ovvero gli USA e i suoi fedeli…

La ricapitalizzazione perpetua – parte 2

banconota da 30 euro

Negli ultimi tempi ho sentito Mario Draghi (il presidente della Bce) parlare a più riprese della difficile situazione economica attuale in Europa. E fin qui nulla di male, è il suo mestiere direte voi. Giusto, ma ascoltando i notiziari in questione mi sono saltate all’orecchio un paio di frasette apparentemente senza importanza, ma che la…

Ecco perché all’Italia conviene uscire dall’euro

Common_face_of_one_euro_coin

Le recenti dichiarazioni sulla necessità di uscire dall’euro espresse da parte di Serge Latouche, non possono certo passare inosservate. Secondo l’economista francese, infatti, la moneta unica avrebbe i giorni contati e sarebbe quindi destinata a finire entro qualche anno, motivo per cui, paesi come la Francia o l’Italia, farebbero meglio ad abbandonare l’euro. Interessante questa…