Pubblicità & Marketing: aiuto o doping al consumo?

1
924

Pubblicità e marketing sono i due potenti motori che ormai trainano (a suon di miliardi spesi ogni anno) il carrozzone del nostro mercato ed in genere del nostro circuito economico ormai saturo in tutti i settori classici, e che quindi necessita sempre più spesso di iniezioni di nuove idee e nuovi prodotti innovativi di-cui-non-puoi-fare-a-meno, specialmente ora che noi tutti ci troviamo a dover fare i conti con minori risorse economiche e dobbiamo quindi rivedere i nostri stili di vita. Un po’ come un atleta dopato che ormai è assuefatto alle droghe che ha preso finora, e quindi ne deve assumere sempre di più forti per andare avanti e gareggiare.

Colui che vi scrive ha – indegnamente – frequentato circa vent’anni fa un corso di marketing finanziato dalla Provincia (se ben ricordo), e devo ammettere che era molto interessante, al punto da averne ancora un ottimo ricordo (specialmente del dottor Giancarlo Dall’Ara e dei suoi metodi per non far calare l’attenzione di noi giovani studenti). Ma al giorno d’oggi è sempre più netta la sensazione che siano stati persi lungo la strada i limiti di tipo etico e umano nello studio e applicazione di nuove e sempre più spregiudicate tecniche e strategie atte ad aumentare l’efficacia delle nuove campagne di marketing & pubblicità, finendo con il considerare ormai l’utente finale come una mucca da mungere, un “target” da colpire, e non una persona.

Qualsiasi ricerca su internet può svelare le cifre astronomiche che girano attorno a queste due scienze economiche, il cui scopo è semplicemente creare nuovi bisogni nella mente dei consumatori, con stimoli sempre più frequenti, intensi e di breve durata, cosicché non facciamo in tempo a goderci l’agognato acquisto dell’ultimo portentoso ritrovato, che subito ce lo fanno diventare vecchio e sorpassato. Il trucco sta tutto nel farci provare un continuo senso di insoddisfazione e di desiderio di propendere verso qualcosa che ancora non c’è, per poterci arrivare per primi; ma siccome ciò che ancora non esiste è potenzialmente infinito, ecco che il gioco e fatto! O sbaglio?

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteBioeconomia e decrescita felice
Articolo successivoLe regole del risparmio – Consiglio nr. 7
Mirko Omiccioli
Nato nel 1969 a Pesaro, nel 1988 mi sono diplomato come Perito Turistico e nel ’93 ho completato un corso di Operatore di Marketing per PMI. Dopo quarant’anni vissuti sulla riviera romagnola a Cattolica, mi sono sposato e trasferito nelle Marche a Fermignano, vicino ad Urbino. Entrato molto presto nel mondo del lavoro (più per necessità che per scelta), ho avuto modo di notare con dispiacere che alla medesima domanda, ovvero: “Cosa serve per vivere?” una volta avremmo risposto “Un tetto, cibo ,acqua e la salute”, mentre ora semplicemente “Servono i soldi”. Questa triste constatazione mi ha fatto capire di essere decrescentista già prima di aver conosciuto il termine.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.