Scambio, baratto e dono creano realtà di condivisione e amicizia

3
1241

In provincia di Vicenza, circa un anno fa, è nato uno spazio permanente di scambio e baratto; l’idea di base è molto semplice: ci si trova qui per condividere con gli altri gli oggetti che non servono più (casalinghi, vestiti, accessori e tanto altro). Non ci sono tessere o promemoria sugli oggetti presi o lasciati: la fiducia nelle persone e l’unico prerequisito richiesto (che gli oggetti siano in buone condizione e funzionanti), hanno permesso al mercatino di dare ottimi risultati a livello sociale/solidale.

Tutto è nato quando l’assessore di Santorso, Alessandra Bonotto, ha deciso di creare un luogo di scambio permanente, così dar ridare vita agli oggetti che si posseggono ma non vengono utilizzati. Da allora un gruppo di amici ha iniziato a ritrovarsi ogni sabato, non solo per accogliere persone e oggetti nuovi, ma anche per iniziare a riflettere su azioni pratiche di riduzione degli sprechi. Inoltre, a Maggio, in occasione della rassegna “Scuola dei beni comuni”(http://scuoladeibenicomuni.wordpress.com/), il Comune di Santorso ha confermato la sede per un altro anno.

Chi ha partecipato ha così la possibilità di iniziare anche delle attività di riciclo o semplice “ripensamento” degli oggetti lasciati. Perchè non trasformare degli appendini in soprammobili colorati o dei bancali in divanetti vintage?

Questi appuntamenti hanno creato anche nei comuni limitrofi molto interesse e, oltre a Santorso, attraverso degli appuntamenti itineranti (il prossimo a Schio il 29 giugno), il gruppo di scambio e baratto ha deciso di continuare ad impegnarsi concretamente per dare la possibilità anche a nuove persone di conoscere questa forma di riduzione degli sprechi.

Per maggiori informazioni http://barattovicenza.wordpress.com/

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’orizzonte in fumo
Articolo successivoTrasporto pubblico e trasporto privato
Vivo in provincia di Vicenza e collaboro con diverse realtà associative, in particolare curo le giornate dello scambio e del baratto di Vicenza e cerco di dar voce a iniziative eco-sostenibili. Il mio motto: la vita è un bene comune, la sua qualità una scelta.

3 Commenti

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.