Una volta…

2
1047

unavoltaUna volta…

Lo so,  si comincia così quando si racconta una favola. Ma questa non è una storia.

E’ una piccola riflessione che nasce dal confronto tra  “ lo stare” di ieri  ( “una volta” appunto) e quello di  oggi .

“Una volta” eravamo quasi tutti più poveri di oggi. Anche qui, nel così detto ricco Nordest e nonostante la crisi che ci morde.

Un regalo: e chi sapeva cos’era? Forse alla Befana arrivava un dono che peraltro era sempre qualcosa di utile: una maglia, un libro, le scarpe,..Dolcetti pochi, giocattoli forse ancor meno .

Avere un vestito nuovo era un passo necessario perchè col passare degli anni non  si entrava più  nei calzoni dell’ anno prima.

Spesso l’abito “nuovo” nasceva dalle abili mani della mamma che rimaneggiava e riadattava quello  smesso dal fratello maggiore o dal papà.

Era all’ultima moda? E chi lo sapeva? Era già una fortuna avere qualcosa da indossare della misura giusta.

La parola” riciclaggio” è moderna  ma di  fatto il riciclaggio “una volta” era molto diffuso e praticato.

Le necessità della vita obbligavano tutti a limitare gli acquisti, a fare rinunce e ad aspettare  il momento buono per comprare,  a trattare con i dovuti riguardi  quanto ci era costato in termini di tempo e di fatica.

Oggi siamo tutti stracolmi di “ cose” molto spesso inutili  e il piacere di possederle diminuisce subito dopo il loro acquisto. La nostra insoddisfazione cresce e si alimenta di  tutte le novità che vediamo sfoggiare o pubblicizzare. Così  le  nostre case diventano sempre più strette, gli armadi non bastano più, le soffitte  e i garage si stipano  di tutto quello che passa velocemente in disuso.

Non siamo più abituati a  coltivare  un sogno,  un desiderio,  un bisogno abbastanza a lungo. Abbiamo dimenticato il significato della parola “rinuncia”. Oggi vale la regola del  tutto e subito.

Ma possiamo dire  per questo di essere più felici o soddisfatti di  “una volta”?

Forse la crisi che ci sta sommergendo ci aiuterà a ritrovare i ritmi e i gusti di ” una volta”.

 

Fonte foto

CONDIVIDI
Articolo precedenteNarayama e dintorni
Articolo successivoSono davvero un uomo moderno (pure troppo)!
Silvana Dal Cero
insegnante di matematica in pensione, amante della natura in tutti le sue manifestazioni, amo scrivere, poesie soprattutto ma anche racconti e riflessioni che inserisco in un blog: http://silvanadalcero.com Sono presente nel sito internazionale della poesia del Novecento www.italian-poetry.org come autrice di poesie. Fino ad ora ho pubblicato tresillogi: Il passo e l'Orma I giorni e L'ombra Io Donna Natura. Per acquistarli: https://www.amazon.it/donna-natura-Silvana-Dal-Cero/dp/8872110033 https://www.lafeltrinelli.it/libri/silvana-dal-cero/i-giorni-e-l-ombra/9788898613212 https://www.libreriauniversitaria.it/passo-orma-cero-silvana-edizioni/libro/9788873143635

2 Commenti

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.