Tornerà il tempo delle cattedrali?

4
1124

Sette e mezzo del mattino, poco traffico, il tempo di guardarmi attorno nel silenzio di un giorno appena sorto.

Vedevo lungo i campi, agli incroci di piccole strade, dei capitelli.
Piccoli o grandi, più o meno belli, più o meno curati.

Tracce umane della sacralità in cui l’uomo un tempo era immerso.

Forse per il tipo di vita che conduceva, legato alle stagioni, al tempo.
Toccava con mano la precarietà dei propri progetti, sperimentava la fragilità della stessa esistenza.
Ancora non comandava al vento, al sole, alla pioggia.
La natura era una presenza con la quale doveva convivere e misurarsi.

Chiesette di campagna, capitelli o cattedrali divenivano così un segno tangibile e visibile di ringraziamento,
una richiesta di protezione e di aiuto.

Presenza divina sui luoghi di lavoro e sulle famiglie, sulle città.

Poi venne la stagione della scienza e l’uomo dimenticò quanto fossero poca cosa le sue forze.
Conoscere i segreti della Natura, applicare il sapere con successo, fu come bere fiore di loto.

Crebbe in superbia e orgoglio, si sentì potente, novello dio, creatore e padrone dell’Universo.

Diroccati dalle intemperie o dalla mano dell’uomo, cominciarono a cadere i capitelli.

Le chiese disseminate numerose sui nostri suoli, sono quasi vuote, a volte trasformate in birrerie e supermercati.

“L’homo terrestris” troverà l’uomo la sua verticalità perduta?

Tornerà per lui il tempo delle cattedrali?

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl vento della pubblicità
Articolo successivoTAV Valsusa: vecchie verità e nuove bugie
Silvana Dal Cero
insegnante di matematica in pensione, amante della natura in tutti le sue manifestazioni, amo scrivere, poesie soprattutto ma anche racconti e riflessioni che inserisco in un blog: http://silvanadalcero.com Sono presente nel sito internazionale della poesia del Novecento www.italian-poetry.org come autrice di poesie. Fino ad ora ho pubblicato tresillogi: Il passo e l'Orma I giorni e L'ombra Io Donna Natura. Per acquistarli: https://www.amazon.it/donna-natura-Silvana-Dal-Cero/dp/8872110033 https://www.lafeltrinelli.it/libri/silvana-dal-cero/i-giorni-e-l-ombra/9788898613212 https://www.libreriauniversitaria.it/passo-orma-cero-silvana-edizioni/libro/9788873143635

4 Commenti

  1. Con la diminuzione della energia disponibile, volenti o nolenti la frenesia dovrà rallentare.
    E allora forse l’uomo tornerà ad avere il tempo di guardarsi attorno… e anche in alto….

  2. Assolutamente da non perdere! Per quanto mi riguarda, ho un conto in sospeso con Madrid e, soprattutto, con Toledo. Desidero davvero tornare, per finire di visitare la prima, e riscoprire in maniera approfondita la seconda. Il Tempio si Debod di notte, è il massimo. Vero, durante il giorno lo si può visitare. Ma il fascino che emana quando è immerso nelle tenebre, è impagabile. Sono felice di leggere che non sono l”unica, ad avere la sensazione che la Cattedrale dell”Almudena brilli alla luce del giorno . Un bacione Silvia! Claudia B.

    • Oh! No nessun ringraziamento. Tutti noi , che ne siamo consapevoli o meno, abbiamo ” fame” del sacro! Ciao Jacqueline. Grazie a te della tua partecipazione.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.