Dilatare il Proprio Tempo

0
927

Ostaggi inconsapevoli degli impegni, del lavoro, dello stress, degli obiettivi, dei mutui, dei mezzi di trasporto, di uno stile di vita caotico e sterile.

Inconsapevoli spesso.

A volte ci tocca per un istante il pensiero, il sospetto che è troppo e insensato quanto ci viene richiesto di sopportare e anzi siamo perfino indotti a desiderare, ma subito dopo ci lasciamo risommergere dai ritmi forsennati che tutti noi ormai siamo abituati a tenere.

Siamo schiavi, davvero schiavi. E tanto più siamo schiavi di questa società e cultura individualista e arrivista come impazzita che in un certo senso amiamo e difendiamo il nostro padrone, il dio denaro, il dio potere, il dio successo, il dio ambizione.

E’ ormai come una nostra seconda identità; siamo ormai anche, e spesso purtroppo, prevalentemente la professione che svolgiamo anziché i valori e i sentimenti che abbiamo dentro. E per questo la difendiamo strenuamente.

E’ quello che ci propinano da sempre, fin da bambini, con una educazione scolastica incentrata sulla conoscenza e la competizione anziché, come dovrebbe essere, sulla formazione del carattere e sulla solidarietà tra esseri umani. Il tutto rinforzato e ingigantito dal bombardamento dei mezzi di comunicazione di massa che anche quando non fanno pubblicità, nei rari momenti in cui fanno o dovrebbero fare informazione, mettono l’accento sulle negatività, sui dolori, sui lutti, sulle disgrazie, sulla violenza, sulla prevaricazione, sulla ingiustizia, su ciò che non funziona.

Questo ci condiziona e getta le basi per un continuo malcontento e una continua insoddisfazione.

Cerchiamo la felicità dove non la troveremo mai. La felicità non è un oggetto e non può derivare da ambizione appagata o da ricchezze accumulate.

La felicità è uno stato mentale e la si trova dentro di noi, e non è per niente difficile raggiungerla come si crede: basta decidere di essere felici.

E’ così banale vero !

Basta volerlo essere, desiderarlo con fiducia. Sentirci grati, fiduciosi, benevoli, sorridenti, qualsiasi cosa accada. In alcuni casi, di fronte a prove dolorose e dure è difficile non provare dolore, non abbattersi, ma sarà questione di qualche momento, di qualche ora, di qualche giorno o settimana o mese. Basterà dare al nostro corpo e alla nostra mente la capacità di metabolizzare l’accaduto e lavorare per neutralizzarlo. Per recuperare al più presto la fiducia e la pace interiore, una pace ricca di tutto.

Il nostro lavoro, il nostro scopo primario è e deve essere l’essere sereni, felici, in pace, dentro e fuori, con noi e con i nostri simili.

Ma per riuscire è importante rallentare il ritmo frenetico impostoci dallo stile di vita che siamo abituati e costretti a mantenere. E spogliarci dei falsi bisogni che ci induce il sistema.

Appena suona la sveglia al mattino: il primo pensiero sarà sorridere grati per il nuovo giorno e rallentare il ritmo; lavarsi con gesti lenti ascoltando il rumore dell’acqua e la sensazione che da sulla pelle. Mettere la sveglia qualche minuto prima in caso. Preparare la colazione toccando con devozione e senso di sacro rispetto il necessario: pentole, fornelli, latte, caffè, arance, yogurt, quello che in genere usiamo.

Prendersi qualche momento di quiete per assaporare il cibo che mangiamo, per goderne appieno non solo fisicamente per gli zuccheri e l’energia chimica che ci da, ma anche per l’energia spirituale che saprebbe trasmetterci se riuscissimo a sintonizzarci su tale frequenza.

Tutto quanto ha una energia anche spirituale, gli alimenti in particolare. Ma dipende da noi riuscire a percepirla e lasciare che si trasmetta al nostro essere.

Se non rallentiamo, se non ci mettiamo in ascolto qualche momento ogni giorno non sentiremo mai la grande ricchezza che abbiamo dentro e intorno, vivremo confinanti in una realtà parziale e limitata e che ci mostra il lato inferiore di sé. Ma è solo perché non la cerchiamo.

E non la cerchiamo perché veniamo strappati continuamente a questo nostro bisogno poiché è soppiantato e soggiogato da decine di altri inutili desideri e bisogni fittizi che vivono e prosperano e si impadroniscono di noi rendendoci insoddisfatti e infelici sempre alla ricerca di più e di meglio.

Soltanto perché non sappiamo sintonizzarci sulla verità.

E’ lì, davanti a tutti noi, ma occorre ricercare la giusta frequenza per sentire le sue onde di trasmissione vibrare e così svelarci la verità.

Proviamo dunque a rallentare il ritmo in prossimità di ogni pasto, quindi almeno tre volte al giorno, e a cercare la gratitudine e la gioia di esistere e di condividere la vita coi nostri simili. Almeno per qualche momento. Chiudiamo fuori, lontano da noi lo stress e le preoccupazioni: siamo tutti figli dell’Universo, Lui sa di cosa abbiamo bisogno, cerchiamoLo dentro e fuori di noi con umiltà, e avremo in più anche quello che di materiale ci occorre concretamente ogni giorno. Ma prima lasciamo che l’amore verso i nostri simili ci invada e ci appartenga. Saniamo appena possibile, in fretta il più possibile ogni incomprensione e ogni rottura esistente. Quanto di bene facciamo agli altri si riverbera anche su di noi. Quanto di male sappiamo annullare si trasformerà in bene.

Tutto ci riuscirà più facile e la vita ci sorriderà continuamente. E quando incontriamo qualcuno in difficoltà, aiutiamolo spontaneamente, per primi, e se è lui che ci chiede aiuto, diamogli una mano. Facciamo agli altri, sempre, quello che vorremmo fosse fatto a noi.

In questo modo saremo connessi gli uni agli altri e senza accorgercene l’Universo risuonerà in noi e ci darà molto più di quanto volevamo o potevamo sperare di ottenere.

Sarò stupefacente per molti di noi!

Non sprecare, rispettare la natura e gli animali, avere uno stile di vita parco e sobrio, cercare una economia per l’uomo in funzione dell’uomo, saranno naturali conseguenze poiché non sapremmo più sopportare di vivere e agire diversamente.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe regole del risparmio – Consiglio nr. 2
Articolo successivoSognare il ritorno al futuro africano
D.ssa in Lettere Moderne dal marzo 1990, nell’ottobre 2011 ha conseguito una seconda laurea, in Psicologia, e in dicembre ha completato il master triennale di Analisi Transazionale. Iscritta all’Albo Unico Nazionale dei Promotori di Servizi Finanziari con delibera Consob n°11776 del 07/01/1999. Iscritta al RUI ( Registro Unico degli Intermediari Assicurativi ) con iscrizione n° E000149972 del 16/04/2007. Ha conseguito l’iscrizione all’€fpa ( european financial planning association ) che rappresenta l’associazione garante della elevata professionalità e eticità nella professione di promotore di servizi finanziari in Europa con iscrizione del dicembre 2009.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.