Pensierini (1)

0
739

Sabato e domenica 16 e 17 maggio a Bologna si è tenuto il festival del commercio equo e dell’economia solidale. Il titolo dato al festival è “L’Arte di fare un’Altra economia – Terra equa.
Molti gli stand presenti e le attività svolte nei due giorni di svolgimento del festival.
Nell’ampio salone del Podestà, al secondo piano di palazzo Re Enzo, dietro uno stand c’è una grande bacheca su cui sono affissi tre grandi fogli, ognuno dei quali reca in alto un tema. I temi sono: “Cambiamento climatico: cosa fare?”, “Picco del petrolio: cosa posso fare?” e “Crisi economica: cosa mi impegno a fare?”
Ai fogli sono affissi dei post it, che esprimono ovviamente il pensiero di chi li ha scritti.
Provvedo a fotografare i fogli con i post it. In seguito penso di fare un articolo per il blog. Mi metto a riportare i contenuti dei post it e a interpretarli (se avessi pensato preventivamente di fare un articolo avrei fotografato in modo più regolare i vari fogli con i post it).
Senza togliere importanza ai pensieri espressi sui post it, personalmente penso che invertiremo la rotta all’attuale “modello di sviluppo” solamente quando “avremo l’acqua addosso” (è un detto del mio paese), cioè quando qualcuno o qualcosa presenterà il conto che non potremmo non pagare (penso per esempio ai disastri che sempre più comporteranno i cambiamenti climatici oppure alle guerre che sempre più infiammano le aree che detengono le più ampie riserve di combustibili fossili, ecc.)
Non so quanto sia possibile generalizzare quanto indicato sui post it e quanto siano veri i pensieri espressi (se cioè a essi corrispondono concreti comportamenti): a ogni buon conto riporto di seguito i loro contenuti suddivisi per tema. Come si vedrà alcuni hanno risposto su tutti e tre i temi e alcuni ancora hanno dato più risposte sulle stesso tema.

P1020323

“Cambiamento climatico: cosa fare?”

1) Limitare riscaldamento in inverno – Giovanni
2) Farò un lavoro che favorisca l’ambiente – Mario (?)
3) Parlarne! – Laura
4) Cerco di rendere consapevole i figli…….. nome incomprensibile
5) Comunità solari! Margherita
6) Coibentare i cassonetti delle tapparelle – Chiara
7) Usare carta e legno FSC (Certificata) – Cinzia
8) Aumentare il consumo di cibo a Km Zero – Patrizia (?)
9) Limitare il consumo di carne – Cinzia
10) Utilizzare BICI, TRASPORTI PUBBLICI E BLA BLA CAR piuttosto che un veicolo personale – Margherita
11) Comprerò più cibo locale – Michela
12) Farò un orto più grande – Michela
13) Non mangiare più pesce – Chiara (?)
14) Migliorare l’efficienza della casa – Cinzia
15) Ottimizzare l’uso della macchina riducendola al minimo – firma non comprensibile
16) Terrò la temperatura di casa a 18° durante l’inverno (Mario?)
17) Costruiremo forno comunitario in terra cruda per ridurre il consumo energetico – Patrizia
18) Mi impegnerò per fare realizzare un cappotto termico al mio immobile – Mario(?)

P1020314

“Picco del petrolio: cosa posso fare?”

1) Usare il più possibile mezzi pubblici – Cinzia
2) Comprerò più cibo locale – Michela
3) Farò un lavoro che favorisca l’ambiente – Mario (?)
4) Utilizzare BICI, TRASPORTI PUBBLICI E BLA BLA CAR piuttosto che un veicolo personale – Margherita
5) Fare più spostamenti in bici (quando sono a BO) – Patrizia (?)
6) Cerco di rendere consapevoli i figli – firma non comprensibile
7) Farò un orto più grande – Michela
8) Fare meno la spesa nella grande distribuzione – Chiara
9) Limitare il consumo di carne – Cinzia
10) Raccolta differenziata e riutilizzo della plastica – Margherita
11) Migliorare l’efficienza della casa – Cinzia
12) Limitare riscaldamento in inverno – Giovanni
13) Terrò la temperatura di casa durante l’inverno a 18°- (Mario?)
14) Non utilizzo l’automobile – Patrizia
15) Mi impegnerò per fare realizzare un cappotto termico al mio immobile – Mario(?)

P1020317

“Crisi economica: cosa mi impegno a fare?”
1) Costruire occasioni di incontro nella comunità – Giovanni
2) Produrre pane in casa – Giovanni
3) Essere responsabile della mia salute – Giovanni
4) Cerco di rendere consapevoli i figli – firma non comprensibile
5) Partecipare ad un GAS e fare la “Ricicla” presso grossi mercati! Ipermercati! – Margherita
6) Condividere e scambiare con i vicini – Margherita
7) Non mangiare più carne da allevamento industriale – Margherita
8) Coltivare un piccolo orto in balcone – Margherita
9) Devo xxxxxx sprecare meno cibo (vivo da sola) – Patrizia (?)
10) Limitare il consumo di carne – Cinzia
11) Usare carta e legno FSC (Certificata) – Cinzia
12) Comprerò più cibo locale – Michela
13) Farò un orto più grande – Michela

(1) ricordo che quando frequentavo le elementari le/i maestre/i davano come compito i “pensierini” cioè di riportare sul quaderno i nostri pensieri
Fonte foto
Le foto sono state fatte da me

CONDIVIDI
Articolo precedentePannelli Fotovoltaici: come trasformarli in un problema / DFSN TV
Articolo successivoE dammi oggi il mio servo quotidiano
Armando Boccone
Sono nato in Lucania nel lontano 1951 e abito a Bologna da circa trent’anni. Ho sempre avuto interesse, da più punti di vista, verso i “destini” (sempre più dialetticamente interconnessi) dell’umanità: da quello dei valori culturali che riempiano l’esistenza a quello delle condizioni materiali di vita (dall’esaurimento delle risorse naturali ai cambiamenti climatici, ecc.). Ho visto nel valore della “decrescita” un punto di partenza per dare un contributo alla soluzione dei gravi problemi che l’umanità ha di fronte.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.