Riflessioni al gusto d’autunno

0
1420

Giorni che vanno come foglie d’autunno… scendono lievi inosservate e poi d’improvviso vedi i tuoi piedi calpestare tappeti densi colorati.

Così i giorni cadono sfilati dalla vita e non dai importanza a questa perenne caduta se non quando, alzando gli occhi, vedi tra i rami nudi l’azzurro cielo, come filo di collana svuotata di ogni perla.

Sono caduti, scivolati, rotolati e ora formano quel tappeto che trascolorerà ancora fino a trasformarsi interamente e dall’umido odore di autunno , misto di marciume e di frutto troppo maturo, in un mese nuovo nascerà un germoglio altro.

Vita da vita. Non la stessa vita. Altra vita.

Energia in trasformazione. Anche quando qualche finestra si oscura. Altre si accendono e non importa quale sarà la finestra da cui emana luce, il particolare non ha importanza in questo divenire perenne che sfugge alle nostre dita e alle nostre menti.

Semplicemente E’.

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSuspense fra decrescita e glocalismo
Articolo successivoOde alla sosta
Silvana Dal Cero
insegnante di matematica in pensione, amante della natura in tutti le sue manifestazioni, amo scrivere, poesie soprattutto ma anche racconti e riflessioni che inserisco in un blog: http://silvanadalcero.com Sono presente nel sito internazionale della poesia del Novecento www.italian-poetry.org come autrice di poesie. Fino ad ora ho pubblicato tresillogi: Il passo e l'Orma I giorni e L'ombra Io Donna Natura. Per acquistarli: https://www.amazon.it/donna-natura-Silvana-Dal-Cero/dp/8872110033 https://www.lafeltrinelli.it/libri/silvana-dal-cero/i-giorni-e-l-ombra/9788898613212 https://www.libreriauniversitaria.it/passo-orma-cero-silvana-edizioni/libro/9788873143635

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.