Pensiero critico e critica del pensiero/3 – Il fenomeno Burioni

2
682

(puntata 1puntata 2)

Roberto Burioni e il Patto per la scienza

L’ascesa di un influencer

Roberto Burioni merita un discorso a sé stante perché ha inaugurato un approccio che lo distingue radicalmente da qualsiasi altro scienziato che, come lui, ha fatto il suo ingresso nell’arena mediatica e in particolare sui social network.

Non so se si avvalga di spin doctor e consulenti della comunicazione, di sicuro per emergere è ricorso a strategie già ampiamente sfruttate da vari influencer per assurgere a Webstar, in particolare:

  • darsi una connotazione fortemente ‘controversa’, facendosi amare od odiare senza mezze misure, utilizzando toni provocatori anche quando obiettivamente non necessario;
  • usare gli hater come mezzo promozionale, rinfocolando costantemente la loro antipatia nei suoi confronti;
  • blastare senza pietà gli avversari dialettici, attraverso brevi scaramucce dove lui deve avere l’ultima parola e le sue controparti uscirne totalmente annichilite.

 

 

 

Questi atteggiamenti sono stato sfoderati non solo contro i famigerati no-vax, ma persino ai danni di alcuni colleghi; ad esempio, in disaccordo con Maria Rita Gismondo (direttrice di Macrobiologia Clinica, Virologia e Diagnostica Bioemergenze dell’Ospedale Sacco di Milano) sulla gravità dell’epidemia italiana di Covid-19, non ha esitato a definirla spregiativamente su Twitter “la signora del Sacco”. Per non parlare poi di certi ‘pensieri ad alta voce’ su tematiche estranee alla medicina.

 

 

 

Il successo personale di Burioni come influencer è innegabile: mentre scrivo, vanta quasi settecentomila follower su Facebook e più di novemila su Instagram, inoltre il suo canale YouTube è vicino ai ventottomila iscritti; è spesso ospite di seguitissimi programmi televisivi e i giornali abbondano di sue interviste. Per tante persone, nel bene e nel male, la sua figura incarna LA medicina per antonomasia, se non addirittura LA scienza.

Ma che dire dell’efficacia come divulgatore scientifico? Secondo un sondaggio della Observa, dal 2015 al 2017 è sensibilmente aumentata la quota di italiani favorevoli a un obbligo vaccinale parziale o totale; a questo dato, però, fa da contraltare una ricerca di Eurobarometro del 2019, secondo cui il 46% teme effetti collaterali gravi, il 34% di essere contagiato dalla malattia che si vorrebbe prevenire, il 32% di rischiare un indebolimento del sistema immunitario.

Ma l’aspetto evidenziato dall’Eurobarometro più interessante in questa sede è che Internet e i social network rappresentano una fonte di informazione affidabile sui vaccini per un misero 4% degli intervistati, mentre la stragrande maggioranza confida in medici di base, pediatri e autorità sanitarie. Questi dati ridimensionerebbero pertanto il peso dell’operato di Burioni (e altri influencer) nell’orientare le scelte degli italiani, cosa che del resto non dovrebbe sorprendere.

Non serve una laurea in scienze della comunicazione per sapere che il suo armamentario dialettico a base di derisione, invettiva e provocazione è ottimo per infiammare uno scontro, quando cioé persuadere l’interlocutore  è ritenuto del tutto secondario rispetto a stroncarlo. Quanti diffidenti nelle vaccinazioni e nella scienza ‘ufficiale’ in genere si saranno ricreduti semplicemente con degli articoli di ricerca postati su Facebook, magari conditi da qualche contumelia?

Sicuramente, con la sua condotta spregiudicata ha focalizzato l’attenzione generale su di un tema prima secondario nell’agenda mediatica, ma la sensazione è che abbia per lo più intercettato un segmento di pubblico già allineato sulle sue posizioni da prima che diventasse una celebrità. Senza contare che, da quando la sua figura è emersa con prepotenza, svariati soggetti hanno ottenuto visibilità proponendosi dichiaratamente come anti-Burioni, per sedurne i numerosi hater.

Di conseguenza, con il virologo del San Raffaele si ripresentano gli stessi problemi già affrontati con il debunking, forse moltiplicati per mille, con il risultato di aver ulteriormente radicalizzato conflitti già esistenti: vista la ribalta conquistata, che tutto ciò rientrasse fin dall’inizio nei suoi obiettivi?

La congiura dei somari

‘Ma Burioni ci è o ci fa?’, si chiedono in tanti perplessi dai suoi comportamenti on line. Il sospetto che, quando agisce sui social, un po’ ‘ci faccia’ è confermato dal libro La congiura dei somari dove, pur ribadendo i medesimi concetti espressi sul Web, ricorre a toni più pacati ed equilibrati, malgrado alcune idiosincrasie traspariscano già a partire dal titolo.

I ‘somari’ descritti nell’opera, ossia persone senza la minimima preparazione che consultando qualche sito Web si sentono dei cattedratici, esistono e sono purtroppo numerosi (vittime del cosiddetto Effetto Dunning-Kruger); ma è del tutto fuorviante far credere che stiano ordendo qualsivoglia ‘congiura’ (ironia della sorte, il fact checker si scopre all’improvviso complottista!).

I gruppi no-vax (ovviamente i somari per eccellenza, secondo l’autore) rappresentano minoranze molto attive sul Web, capaci qualche volta di strappare spazi su TV e giornali nonché di attirare l’attenzione di politici in cerca di voti; ma la loro influenza complessiva è minima, soprattutto non c’è alcun indizio che condizionino la produzione scientifica. Per di più, se davvero queste persone meritassero l’accusa di ‘congiura’ solo per l’attivismo digitale, che cosa si dovrebbe insinuare a proposito dell’industria farmaceutica che solo nel 2018 negli USA ha speso 27,5 milioni di dollari in attività di lobbysmo?

Burioni ha la brutta tendenza a dirottare in toto sui somari da tastiera o su isolate ‘mele marce’ della medicina responsabilità che invece gravano pesantemente anche su parte del mondo scientifico. Nel libro, ad esempio, imputa la sciagurata decisione del presidente sudafricano Mbeki di sostenere le teorie eterodosse che negano il legame tra HIV e AIDS alla fiducia da questi riposta in non meglio specificati ‘scienziati alternativi’, omettendo invece che il suo principale fiancheggiatore fu Peter Duesberg, non un ciarlatano del Web bensì un pioniere nella ricerca dei retrovirus, i cui studi gli sono valsi nel 1986 l’elezione alla prestigiosa National Accademy Of Sciences; l’introduzione del suo libro Aids. Un virus inventato è stata curata dal premio Nobel per la chimica Kary Mullis. (Va riconosciuto a Burioni di aver ricostruito la vicenda sudafricana in modo più circostanziato e corretto nella successiva opera Balle mortali)

Il pamphlet, del resto, presenta una palese forzatura fin dal primissimo capoverso, inaugurato dalla frase divenuta oramai un vero e proprio aforisma:

La scienza non è democratica. La velocità della luce non si decide per alzata di mano, come ha detto Piero Angela, al quale tanto dobbiamo. Una palla di ferro gettata in mare andrebbe invariabilmente a fondo, anche se un referendum popolare stabilisse che il peso specifico del ferro è inferiore a quello dell’acqua.

A parte la concezione distorta di democrazia ridotta al mero strumento elettorale, chi avrebbe preteso di trasformare l’Accademia in una gigantesca assemblea di condominio? Neppure il no-vax più indefesso ha mai chiesto di interrogare gli elettori sulla salubrità dei vaccini, al massimo è stato richiesto di ampliare il ventaglio di fonti da consultare per esprimere un giudizio di merito ed eventualmente, quello sì, di abolire per via referendaria una legge sulla somministrazione obbligatoria.

In secondo luogo, la misurazione della velocità della luce e del peso specifico dell’acqua non hanno alcuna ripercussione pratica sulla società, a differenza del giudizio sulla sicurezza di un vaccino, che oltre a essere un farmaco con effetti sull’organismo è anche un prodotto commerciale su cui qualcuno vanta diritti di proprietà intellettuale e riscuote profitti. Se è pienamente giustificato che la politica affidi agli esperti competenti, nelle modalità opportune, di giudicare la portata degli eventuali rischi da vaccino, il varo di un trattamento sanitario obbligatorio richiede invece una discussione allargata a tutta l’opinione pubblica, anche perché entrano in gioco motivazioni di carattere extra-sanitario.

Burioni, per nulla stupido, è consapevole che in realtà non esiste alcuna congiura, bensì un clima di sfiducia generalizzato dove l’elemento fondamentale è rassicurare il pubblico sulla buona fede di medici e ricercatori. In La congiura dei somari pensa di riuscirci alla maniera di Blaise Pascal con la sua famosa scommessa sull’esistenza di Dio (risulta più conveniente crederci che no):

Insomma, la scienza è imperfetta e fatta di uomini ancora più imperfetti, e le verità che ci offre sono sempre parziali e mai troppo sicure. Però vale la pena di fidarsi, perché l’alternativa è costituita dal buio, dall’oscurantismo e dalla morte.

 

Il medesimo concetto, leggermente più elaborato, si ritrova in Balle mortali:

La scienza, pur con i suoi mille difetti e con i suoi mille errori, è quello che ci ha fatto progredire nel mondo. Certo, gli scienziati sono uomini e alcuni di loro sono disonesti e hanno compiuto azioni scellerate, e non sempre il sistema riesce a limitarli. Ma alla lunga, per fortuna, la scienza si corregge sempre e, così come Winston Churchill diceva che la democrazia è la peggior forma di governo, a parte tutte quelle che si sono sperimentate finora, lo stesso possiamo dire della scienza: è la peggior forma di conoscenza, a parte tutte le altre.

 

In entrambi i libri, lo scopo dichiarato di Burioni è difendere la scienza intesa come entità astratta e quasi eterea, imputando ogni problema che la riguardi a ignoranza e malvagità umana – somari, ciarlatani, ricercatori disonesti. In tal senso, trattasi di una strategia decisamente azzeccata, perché ridurre tutto a questioni di carattere morale gli permette di sorvolare su tante criticità interne alla scienza stessa che ne minano l’autorevolezza.

La disputa che lo ha visto coinvolto su Twitter contro il ‘pluricandidato al Nobel’ Giulio Tarro dimostra la ritrosia ad affrontare certi argomenti scabrosi, persino quando potrebbero volgersi a suo vantaggio contro il nemico di turno:

 

 

Invece di fare cabaret, Burioni infatti avrebbe potuto blastare molto facilmente Tarro, infliggendo probabilmente un colpo mortale alla sua crescente popolarità: gli sarebbe bastato passare al setaccio il curriculum comodamente consultabile sul suo sito Web. Sarebbero saltate fuori cose non propriamente onorevoli per un ricercatore di presunta fama internazionale, quali la collaborazione con i gruppi che fanno capo al famigerato Dr. Srinubabu Gedela (solito organizzare convegni farsa che si spacciano per eventi scientifici), pubblicazioni su ‘riviste predatorie’, il dichiararsi membro del corpo accademico di alcune pseudo università statunitensi che vendono diplomi e onorificenze, insieme ad altre evidenze totalmente incompatibili con ambizioni da Nobel. (Qui per maggiori dettagli)

Tuttavia, così facendo avrebbe dovuto ammettere che la scienza è gravata dall’editoria predatoria e altri problemi a livello sistemico (quindi non imputabili alle colpe dei singoli) decisamente preoccupanti. Da qui, sarebbe emerso che il vero dilemma non è dimostrare come il peggior scienziato sia preferibile al ‘miglior’ ciarlatano, bensì capire se il mondo della ricerca possa funzionare meglio di quanto non faccia ora, in particolare per quanto attiene al cuore della sua attività, ossia i processi di formazione della conoscenza scientifica.

Ad esempio, Ugo Bardi in un post su Cassandra Legacy provocatoriamente intitolato ‘So, You Think Science Will Save the World? Are You Sure?‘, prendendo spunto da un paper di Jonathan P Tennant, ha messo in luce gravi problematiche che caratterizzano la revisione paritaria (peer review), ossia il principio fondamentale di validazione scientifica. In sintesi:

  • una rivista scientifica non può di fatto rimediare a eventuali errori presenti in articoli pubblicati, anche se marchiani (una volta andati in stampa, diventano ‘scienza ufficialmente approvata’);
  • i revisori spesso appartengono alla ‘vecchia guardia’ e sono molto ostili verso le novità, specialmente quando faticano a capirle;
  • l’esigenza di ottenere l’approvazione dei revisori, unitamente alla necessità di citazioni per progredire nella carriera, induce il giovane ricercatore ad assumere atteggiamenti conformisti;
  • non esistono standard condivisi per le revisioni, vige il quasi più totale arbitrio.

(A chi volesse approfondire la tematica consiglio un altro ottimo contributo di Marco Viola su ROARS)

Se non intervengono importanti azioni di riforma, la revisione paritaria, invece di premiare la qualità, finirà per cronicizzare una tendenza degli scienziati già individuata da Thomas Kuhn negli anni Sessanta quando scrisse La struttura delle rivoluzioni scientifiche: quella di consolidare il paradigma di conoscenza esistente ostacolando le istanze di rinnovamento.

Patto trasversale per la scienza

Nel gennaio del 2019, Burioni si è fatto promotore del ‘Patto trasversale per la scienza’, manifesto programmatico in cinque punti:

1) Tutte le forze politiche italiane s’impegnano a sostenere la Scienza come valore universale di progresso dell’umanità, che non ha alcun colore politico, e che ha lo scopo di aumentare la conoscenza umana e migliorare la qualità di vita dei nostri simili.
2) Nessuna forza politica italiana si presta a sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina che mettono a repentaglio la salute pubblica come il negazionismo dell’AIDS, l’anti-vaccinismo, le terapie non basate sulle prove scientifiche, ecc…
3) Tutte le forze politiche italiane s’impegnano a governare e legiferare in modo tale da fermare l’operato di quegli pseudoscienziati, che, con affermazioni non-dimostrate e allarmiste, creano paure ingiustificate tra la popolazione nei confronti di presidi terapeutici validati dall’evidenza scientifica e medica.
4) Tutte le forze politiche italiane s’impegnano a implementare programmi capillari d’informazione sulla Scienza per la popolazione, a partire dalla scuola dell’obbligo, e coinvolgendo media, divulgatori, comunicatori, e ogni categoria di professionisti della ricerca e della sanità.
5) Tutte le forze politiche italiane s’impegnano affinché si assicurino alla Scienza adeguati finanziamenti pubblici, a partire da un immediato raddoppio dei fondi ministeriali per la ricerca biomedica di base.

 

Non serve sottoporre il testo a un particolare decostruzionismo per coglierne alcune peculiarità, innanzitutto che ‘Scienza’ è per lo più usato quale sinonimo di ‘medicina’, come si evince smaccatamente dal riferimento ai presidi sanitari e dal partigianissimo punto 5. Deformazione professionale? C’è da sperarlo, altrimenti, se applicate indistintamente a tutti i campi del sapere, le asserzioni del Patto risulterebbero alquanto discutibili.

Innanzitutto, perché la pseudo-scienza, per definizione, deve presentare un carattere ‘allarmista’? ll negazionismo climatico non ha forse una funzione rassicurante, sostenendo che gli sconvolgimenti naturali non siano di origine antropica e quindi negando qualsiasi necessità di cambiare il nostro modello di sviluppo, a partire dall’uso dei combustibili fossili? E’ curioso, in effetti, che in un manifesto scientifico del 2019 non compaia alcun riferimento all’ecologia; anche se Burioni, si sa, non è un amante della Natura.

 

 

 

Al di là delle legittime preferenze personali, il tono generale del documento è che la funzione della Scienza sia quella di tranquillizzare i cittadini in contrapposizione alla ‘pseudo-scienza’ catastrofista: non proprio il contesto ideale per accogliere le Cassandre del malaugurio che si dedicano allo studio della biosfera.

Altro elemento di perplessità sono i ripetuti appelli a ‘tutte le forze politiche’ affinché assumano impegni solenni, mentre i cultori della Scienza non si sentono in dovere neppure di un vago accenno deontologico a tutelare il buon funzionamento della ricerca, come se le responsabilità dello scarsa autorevolezza dell’Accademia nel nostro paese fossero da addebitare esclusivamente a politici demagoghi, giornalisti impreparati e popolo-somaro. Qui abbiamo ampiamente superato la partigianeria, siamo scaduti nella faziosità più totale.

Ma passiamo al punto secondo me più critico. Con espressioni del tipo ‘patto trasversale‘ e affermazioni come ‘la Scienza non ha alcun colore politico’ o anche solo per l’insistenza a usare la parola ‘Scienza’ al singolare e in maiuscolo, si veicola un’idea di oggettività e neutralità della ricerca, concetto che traspare anche dai numerosi interventi pubblici di Burioni e nelle sue opere.

Pure in questo caso, il virologo tende a generalizzare le specificità del suo limitato ambito di indagine a tutte le branche del sapere, per cui si fa portatore di concezioni – per usare un eufemismo – tardo positiviste, utili forse per questioni relativamente semplici come stabilire la sicurezza per la salute di un vaccino, ma totalmente inadatte per affrontare lo studio della complessità, ossia la grande sfida del XXI secolo. Ne Il supermarket di Prometeo, Marcello Cini così ribatte alla tesi di una scienza oggettiva che procede secondo un metodo unitario:

 

Questa analisi non tiene conto, per esempio, del fatto che, via via che si attinge ai livelli più elevati di organizzazione della materia, il consenso degli scienziati sul linguaggio disciplinare considerato appropriato s’indebolisce e si assiste alla moltiplicazione dei linguaggi adottati da gruppi diversi della comunità. Questi linguaggi non sono necessariamente in contraddizione: essi corrispondono a differenti modellizzazioni del dominio fenomenologico e a diversi punti di vista (culturali, epistemologici, tecnologici) a partire dai quali si costruiscono le categorie concettuali e i metodi pratici utilizzati per analizzare il dominio considerato. In queste discipline sarà dunque sempre più difficile inventare un “esperimento cruciale” capace di decidere chi ha ragione e chi ha torto, perché tutti i modelli sono parziali e unilaterali. Ognuno di essi è al tempo stesso “oggettivo”, perché riproduce alcune proprietà del reale, e “soggettivo”, perché il punto di vista è scelto dai gruppi diversi in conflitto fra loro.
Una rappresentazione della scienza che non assuma questa varietà di punti di vista in competizione, secondo me, impedisce a sua volta di individuare la novità e la ricchezza del compito che la filosofia si trova a dover affrontare.

 

Ezio Roletto è ancora più esplicito:

 

La concezione del metodo scientifico come procedura eterna e universale per produrre conoscenza partendo dai fatti risale ai positivisti, ossia ai primi decenni del 1800. Da allora la scienza ha fatto progressi enormi e gli epistemologi contemporanei hanno interpretato il modo di lavorare degli scienziati in modo meno schematico, dando una grande importanza al ruolo dei modelli scientifici e sottolineando l’aspetto creativo del ragionamento scientifico il quale dipende molto dall’immaginazione, dalla creatività, dalle opinioni personali e dalle preferenze individuali degli scienziati.

 

Che la concezione limitata di Scienza propugnata da Burioni e i suoi amici possa alla fine danneggiarla più di qualsiasi somaro?

Il Patto va in tribunale

Prendendo spunto dal manifesto programmatico del Patto trasversale per la Scienza, il virologo pesarese e Guido Silvestri hanno poi fondato un’associazione omonima; leggiamo dallo statuto:

Lo scopo dell’associazione è la promozione e la diffusione della scienza e del metodo scientifico sperimentale in Italia al fine di superare ogni ostacolo e/o azione che generi disinformazione su temi scientifici, il tutto nell’ottica del precipuo interesse della tutela della salute umana garantito costituzionalmente, contrastando altresì ogni azione e/o condotta da parte di chiunque che possa pregiudicarla sia in forma individuale che collettiva anche tramite illeciti civili, amministrativi o penali…
Per conseguire lo scopo precipuo l’associazione può utilizzare tutti gli strumenti di legge, compreso il ricorso all’Autorità giudiziaria e/o amministrativa con azioni individuali e collettive, nonché tramite la costituzione di parte civile in processi penali, ove risulti leso il bene primario dello scopo associativo della correttezza dell’esercizio della scienza e del metodo scientifico-sperimentale in Italia e della tutela della salute umana garantito costituzionalmente, anche rispetto ai destinatari della scienza e delle professioni tramite le quali si estrinseca.

 

Il gruppo è passato dalle parole ai fatti tramite un’azione legale con cui ha citato in giudizio il discusso nanopatologo Stefano Montanari, relativamente ad alcune sue affermazioni sul Covid-19 pubblicate su YouTube, giustificandola con l’allarme sociale che potrebbero provocare.

Personalmente, ritengo sempre una pessima idea coinvolgere la magistratura in questioni scientifiche, perché il concetto giudico di ‘prova’ è molto diverso da quello di ‘evidenza empirica’, così come quello di ‘ragionevole dubbio’ ha poco da spartire con il ‘probabilismo’. Bizzarro, inoltre, che chi da sempre avversa l’uso strumentale delle sentenze dove si riconoscono danni da vaccinazione sostenendo – giustamente – che i giudici non possano sostituirsi agli scienziati, adesso invochi invece l’intervento dei tribunali per ovviare, in definitiva, alla sua mancanza di autorevolezza.

Viene proprio da dire che chi semina vento raccoglie tempesta. Infatti, come già accennato in precedenza, le strategie mediatiche servite al successo personale di Burioni hanno parallelamente rafforzato tante nemesi dello studioso del San Raffaele, le quali ottengono il favore di una parte del pubblico non per la bontà delle loro argomentazioni ma (penso soprattutto al caso di Montanari) per i modi di fare meno supponenti e più aperti al dialogo, cosicché la simpatia verso la persona finisce per riflettersi anche sulle sue teorie.

Insomma, Burioni chiede alla magistratura di raccogliere cocci che lui, più o meno inconsapevolmente, ha contribuito a creare. Ma il fatto più deprecabile è che, nell’esposto consegnato alle Procure di Modena e Ancora, i legali del Patto abbiano suggerito addirittura l’oscuramento dei canali YouTube (non solo dei singoli video incriminati) che hanno diffuso le dichiarazioni di Montanari: un inutile atteggiamento censorio da ministero orwelliano della verità, da condannare con tutte le forze.

La scienza deve essere democratica

Lo Stato non può intralciare lo spirito di ricerca. La ricerca deve essere libera. I suoi apporti sono l’espressione della verità, e ciò che è verità non può essere nocivo. Il dovere dello Stato è di sostenere la ricerca scientifica e di incoraggiarla in tutti i modi, anche quando i suoi risultati, agli occhi degli umani, non portano applicazioni pratiche. Soltanto alla generazione successiva tali risultati potrebbero produrre il loro effetto e avere allora delle conseguenze rivoluzionarie.

A parte i toni un po’ roboanti, in tanti approverebbero questa presa di posizione, sicuramente tutti i sostenitori del Patto; consenso che si rafforzerebbe riportando un’esternazione successiva della medesima persona:

A mio parere, la libertà non dev’essere limitata al solo campo delle scienze naturali. Essa deve estendersi anche al campo del pensiero, anzitutto alla filosofia.

Ma chi è costui? Forse un pensatore libertario alla Bertrand Russell? Incredibile a dirsi, ho appena citato niente meno che Adolf Hitler, dal libro Colloqui riservati di Adolf Hitler annotati da Martin Bormann.

Ovviamente, lungi da me sostenere che la libertà di ricerca sia in qualche modo un caposaldo nazista – del resto il Führer, tra milioni di deliri criminali, una paio di cose giuste nella vita può anche averle dette – intendo semmai sottolineare come essa, considerata separatamente da altri valori, possa tranquillamente non solo convivere con le peggiori forme di totalitarismo, ma persino essere incentivata. Contrariamente ai convincimenti dei sostenitori di Progresso e Sviluppo, la libera scienza non preserva dalle peggiori forme di barbarie, potrebbe anzi costituirne un elemento fondamentale.

Per evitare ciò, occorre che al mondo della ricerca si applichino tutti i contrappesi e i controlli a cui è soggetta qualsiasi istituzione in un regime democratico; che non significa affatto, come paventa Burioni, votare le leggi naturali per alzata di mano.

Si tratta invece di promuovere una grande opera di trasparenza, sottoponendo a controllo sociale i meccanismi di progressione di carriera, le procedure di validazione scientifica, i dispositivi di proprietà intellettuale che limitano l’accesso alla conoscenza; oltre a vigilare sui rapporti che l’Accademia intreccia con soggetti pubblici e privati, onde chiarire sul nascere possibili conflitti di interesse.

In quest’ottica, Burioni rappresenta un punto di vista estremamente reazionario e corporativo, convinto che l’autogoverno accademico, nella sua torre d’avorio isolata dalla società civile, possa autonomamente risolvere tutte le problematiche che l’affliggono, e che per riabilitare l’autorevolezza della Scienza sia sufficiente distinguere tra chi ha i titoli per parlarne e chi no.

Siamo quindi in presenza di uno studioso con i suoi indubbi meriti e le cui conoscenze possono sicuramente essere di pubblica utilità; ma, in ultima analisi, veicola concezioni perdenti e inadatte ai tempi che corrono.

(continua)

CONDIVIDI
Articolo precedenteFase 2: #io scelgo la salute
Articolo successivoDogmania*: nuove esperienze straordinarie
Igor Giussani
Nasco a Milano il 7 febbraio 1978. Sono un docente precario di italiano e storia nella scuola superiore, interessato ai temi della sostenibilità ambientale e sociale. Ho espresso le mie idee sulla decrescita e i cambiamenti sociali necessari in Svolta Radicale. Alla ricerca di una via di uscita (http://www.decrescita.com/news/?page_id=42&did=26), Democrazia Radicale. La decrescita come contropotere sociale (http://www.decrescita.com/news/download/?did=32), Io e la decrescita. I miei primi due anni di DFSN (http://www.decrescita.com/news/download/?did=39), Insostenibile. Le ragioni profonde della decrescita (http://www.decrescita.com/news/download/?did=50) http://igorgiussani.blogspot.it/

2 Commenti

  1. Caro Igor, semplicemente bellissimo ! Profondo, argomentato e pacato. Io non ce l’avrei fatta a non citare la famosa previsione di Burioni da Fazio a “Che tempo che fa”, ovvero che il coronavirus in Italia non sarebbe mai arrivato (il 2 febbraio 2019 Burioni disse testualmente “In Italia in questo momento il rischio di contrarre il coronavirus è zero”). Qui siamo oltre la supponenza, siamo ad una scivolata imbarazzante per un sostenitore del Patto trasversale sulla scienza…

    • Grazie Danilo, penso che sia sbagliato crocifiggerlo per un errore, ho una grande stima di Paul Ehrlich e lui perse la famosa scommessa con Julian Simon e la perse ancora più miseramente, però il suo pensiero rimane valido per molti punti di vista; sarebbe insomma un brutto doppiopesismo. Ovviamente con il tono che si dà i suoi errori si rimarcano di più da soli.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.